Personae Magazine

Magazine Approfondiamo l'articolo del mese

n. 57 del 15 ottobre 2012

Ritorna

Ridere in tempi di crisi

 

Ultimamente c’è poco da stare allegri, le notizie dei TG e dei giornali aprono finestre allarmanti su scenari disastrosi: la politica dove sono scomparse l’etica e la moralità, l’economia con previsioni sempre più nebulose sul futuro, il mondo del lavoro in attesa di un miracolo che faccia ripartire l’occupazione.E su tutto, come una nuvola nera, quel senso di incertezza, insicurezza, instabilità che non consente di fare progetti a lungo termine.


Come stanno le persone in questo periodo? In attesa, strette tra difficoltà economiche  e la mancanza di speranza,  aspettando  di conoscere l’esito di una crisi che sembra durare ancora a lungo, ma alla quale, forse, ci si è in parte assuefatti perché ci si abitua a tutto. Anche alla crisi, tanto da volerla esorcizzare.

Di  tutti i comportamenti che possono contribuire a creare uno stato di benessere, la risata è di certo il più potente. È una buona ginnastica. Mentre per piangere utilizziamo non meno di venti muscoli, per ridere ne usiamo più di sessanta.
Il riso aiuta a superare situazioni difficili, a livello fisico fa aumentare la produzione di endorfine provocando  una diminuzione del dolore e della tensione fisica e  permettendo il raggiungimento di uno stato di rilassamento e serenità.
La risata, inoltre, amplifica la produzione di serotonina, un antidepressivo  naturale, riducendo la secrezione di ormoni da stress.

 

Che ridere faccia bene al nostro organismo è una cosa ormai risaputa, ma che esista un
vero e proprio metodo formativo è forse un po’ più insolito e originale:la TERAPIA DELLA RISATA ® è una vera filosofia antistress  perché  l’azione della risata indotta produce gli stessi benefici di una risata naturale.

Lo abbiamo sperimentato di persona grazie a Gianni Ferrario che ci ha condotto in un percorso emozionale alla riscoperta di noi stessi e del nostro io-bambino .

Gianni Ferrario, come un perfetto coacher e tutor dovrebbe saper fare, sostiene e sospinge, supporta e aiuta, consola e sorregge, cercando di tirar fuori da ciascuno il meglio, la parte vera e nascosta, il "fanciullino" che abbiamo chiuso da tanto tempo dentro di noi.  Per lavorare con lui occorre mettersi in gioco, affidarsi, esporsi, tirar fuori emozioni e angosce, ma il risultato è assicurato e la giornata vola via agile e leggera.

In azienda il metodo formativo della  TERAPIA DELLA RISATA ® aiuta  a migliorare i rapporti interpersonali a tutti i livelli organizzativi essendo un’esperienza che abbatte  le resistenze fra le persone; la risata crea energia positiva e migliora la comunicazione tra le persone eliminando di conseguenza le tensioni tra colleghi .
Inoltre, i partecipanti condividono emozioni positive e percepiscono a livello fisico ed emozionale la forza del gruppo favorendo l’integrazione e il lavoro di squadra.

Certo con la crisi economica c’è poco da stare allegri e qualcuno potrebbe pensare “il riso abbonda sulla bocca degli stolti”. Di fatto,  tranne che nei casi di tragedia vera, la risata alleggerisce lo spirito e ci aiuta a proseguire  il cammino.
Ora più che mai ne abbiamo bisogno.

di Beatrice Pagliai


Ritorna